Gli ultras del Brescia si picchiano tra di loro: maxi rissa con sassi e bottiglie

La furiosa rissa nella serata di domenica tra un gruppo di tifosi della Curva Nord e quelli del gruppo Brescia 1911. Le due tifoserie delle Rondinelle si sarebbero prese a cinghiate e bottigliate

Foto d’archivio

Uniti dalla fede calcistica, separati (a quanto pare) da quella politica. Stando alle prime ipotesi formulate dalla Questura di Brescia, ci sarebbero proprio le diverse visioni politiche all'origine del violento scontro tra Utras (tutti bresciani) andato in scena domenica sera al termine del match tra Brescia e Novara.

L'allarme è stato lanciato da alcuni residenti di via Rampinelli e via Lama intorno alle 20 di domenica, circa mezz'ora dopo il triplice fischio: sul posto si sono precipitati gli agenti della Volante, della Squadra Mobile e della Digos, oltre alle ambulanze. Al loro arrivo i poliziotti non hanno però trovato nessuno dei partecipanti, così come i sanitari nessun ferito da soccorrere: sull'asfalto solo i cocci di bottiglia e i sassi lanciati durante il violento scontro.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

  • Ragazzo di 16 anni gravissimo dopo un tuffo: trauma spinale, rischia la paralisi

Torna su
BresciaToday è in caricamento