Gli ultras del Brescia si picchiano tra di loro: maxi rissa con sassi e bottiglie

La furiosa rissa nella serata di domenica tra un gruppo di tifosi della Curva Nord e quelli del gruppo Brescia 1911. Le due tifoserie delle Rondinelle si sarebbero prese a cinghiate e bottigliate

Foto d’archivio

Uniti dalla fede calcistica, separati (a quanto pare) da quella politica. Stando alle prime ipotesi formulate dalla Questura di Brescia, ci sarebbero proprio le diverse visioni politiche all'origine del violento scontro tra Utras (tutti bresciani) andato in scena domenica sera al termine del match tra Brescia e Novara.

L'allarme è stato lanciato da alcuni residenti di via Rampinelli e via Lama intorno alle 20 di domenica, circa mezz'ora dopo il triplice fischio: sul posto si sono precipitati gli agenti della Volante, della Squadra Mobile e della Digos, oltre alle ambulanze. Al loro arrivo i poliziotti non hanno però trovato nessuno dei partecipanti, così come i sanitari nessun ferito da soccorrere: sull'asfalto solo i cocci di bottiglia e i sassi lanciati durante il violento scontro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

Torna su
BresciaToday è in caricamento