Cronaca

Brescia più sicura o Brescia più insicura? Ecco la mappa dei reati del 2016

I dati sono stati presentati dalla Prefettura e consegnati al Comune e alle forze dell'ordine

Come ogni anno, la Prefettura di Brescia ha reso noti i dati relativi ai reati compiuti sul territorio bresciano: un utile bilancio per fare il punto sulla situazione. Questo quanto sarebbe emerso, in estrema sintesi: anche la nostra provincia è in linea con i dati nazionali, e in particolare si sarebbe registrato un calo di furti e rapine (anche in casa) e un aumento invece di truffe e reati legati alla droga.

I dati sono stati presentati dalla Prefettura, rielaborati dall'Università di Brescia e poi consegnati al Comune e alla Polizia Locale. Si riferiscono ovviamente ai reati compiuti lo scorso anno (il 2016), ma offrono un quadro completo di comparazione anche sul biennio precedente (il 2014 e il 2015).

Qualche numero, nel dettaglio. Gli omicidi sono in linea con la storicità della provincia (e di tutta Italia, da sempre: fatta eccezione per il ventennio fascista, dove si è registrato il più alto tasso di omicidi della storia) e quindi soggetti a brusche variazioni percentuali, perché numericamente ridotti. Basta pensare che nel 2015 si contarono 4 omicidi volontari, e solo uno nel 2016.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brescia più sicura o Brescia più insicura? Ecco la mappa dei reati del 2016

BresciaToday è in caricamento