Fuga rocambolesca: metro bloccata per arrestare un rapinatore

Fermato un cittadino italiano dopo il colpo alle Poste di via Moretto

Alle 12.45 di lunedì, un uomo armato di coltello è entrato nella filiale delle Poste di via Moretto e, armato di coltello, si è fatto consegnare da un dipendente 200 euro in monete e banconote di piccolo taglio.

Prelevata la somma, il rapinatore è fuggito in direzione di Corso Martiri della Libertà. Un cliente delle Poste ha subito indicato al 113 la direzione presa dal fuggitivo. Una Volante ha bloccato in pochi minuti l’autobus su cui era salito il malvivente, che, vedendo la polizia, è sceso di corsa in via Porcellaga ‘infilandosi’ nelle fermata Vittoria della metro.

A questo punto, la sala operativa del 113 ha chiamato la centrale della metropolitana per far bloccare i treni alla fermata Marconi. Il rapinatore, tuttavia, era già riuscito a scendere proprio a quella fermata, con l’intenzione di risalire in direzione opposta, forse per fare perdere le tracce. E’ stato  trovato dai poliziotti in attesa in pensilina, mentre passeggiava nervosamente in una vana attesa.
 
Riconosciuto, grazie anche alle segnalazioni di numerosi testimoni, il rapinatore (un cittadino italiano) è stato arrestato, inchiodato dalle numerose tracce lasciate durante la fuga, tra cui il suo tesserino personale della "mensa per i poveri", smarrito all’interno dell’ufficio postale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

Torna su
BresciaToday è in caricamento