Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Aggredito e rapinato alla fermata del bus: i ladri sono tutti minorenni

I tre giovani sono stati portati presso i carceri minorili di Bari, Roma e Torino

Prima lo accerchiano, poi lo minacciano puntandogli sul fianco quello che sembrava un coltello: sono stati arrestati dalla Polizia di Stato i tre giovani minorenni, già noti alle forze dell'ordine, accusati di aver commesso una rapina ai danni di un loro coetaneo.

Il tutto è iniziato lo scorso 18 ottobre quando un ragazzo minorenne si è presentato in Questura per denunciare una rapina subita nella stessa mattinata presso una fermata dell’autobus di linea vicina alla stazione di Brescia. Lo scippo sarebbe stato ad opera di tre giovani: uno di loro gli avrebbe strappato dal collo una collanina d’oro, mentre un altro gli avrebbe puntato sul fianco un oggetto facendogli credere si trattasse di un coltello, mentre il terzo lo avrebbe minacciato per dissuaderlo dall’opporre resistenza.

Le indagini della Squadra mobile

Le indagini messe in atto dagli agenti della Squadra mobile della Polizia di Stato, anche attraverso l’analisi delle immagini registrate dai circuiti di videosorveglianza presenti sul luogo dei fatti, hanno permesso di ricostruire il fatto e identificare i tre giovani italiani della provincia di Brescia. 

La Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Brescia ha richiesto ed ottenuto dal GIP un’ordinanza applicativa della misura della custodia cautelare in carcere per tutti i predetti indagati. Nella mattinata di lunedì gli agenti della Squadra Mobile e del Commissariato Carmine hanno rintracciato ed arrestato i giovani che, dopo le formalità di rito, sono stati rispettivamente portati presso i carceri minorili di Bari, Roma e Torino, designati dal Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggredito e rapinato alla fermata del bus: i ladri sono tutti minorenni
BresciaToday è in caricamento