Brescia: sequestro di persona ed estorsione, sette in manette

La banda, arrestata dai Carabinieri del Comando Provinciale in collaborazione con la Direzione Distrettuale Antimafia, stava progettando altri rapimenti in Lombardia

Sette egiziani, tra cui una donna, sono stati arrestati dai Carabinieri del Comando Provinciale di Brescia perché ritenuti responsabili del sequestro di un connazionale a scopo di estorsione avvenuto alla fine di settembre.

I provvedimenti di fermo, emessi dalla Direzione Distrettuale Antimafia bresciana, hanno colpito la banda composta da sei uomini e una donna che, con base operativa in provincia di Monza, aveva progettato ed eseguito il sequestro di un egiziano residente nella nostra provincia. I sette, secondo gli inquirenti, progettavano altri rapimenti in Lombardia.

I reati contestati sono sequestro di persona a scopo di estorsione, lesioni, rapina ed estorsione aggravate in concorso. Durante l'operazione sono stati sequestrati anche l'appartamento dove la vittima, malmenata dai connazionali, era stata detenuta e il veicolo utilizzato per il trasposto e gli spostamenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, contagiati altri due bresciani: primo caso sospetto in città

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Incidente a Pozzolengo: neonato di Lonato muore in ospedale

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento