L'incubo di una ragazza bresciana: violentata dopo aver comprato cocaina

Lo stupro sarebbe avvenuto all'intero di un stabile abbandonato di via Milano. Lo spacciatore nega: "Non le ho fatto nulla".

Minacciata con un coltello, rapinata e poi violentata nel silenzio di uno stabile abbandonato di via Milano. Questo, secondo l'accusa, quando sarebbe stata costretta a subire una 26enne bresciana nel novembre del 2018. 

Colpevole della terribile violenza un pusher tunisino di 47 anni, dal quale la giovane aveva acquistato della cocaina: in carcere da oltre un anno, nelle scorse ore è stato processato e il giudice lo ha condannato a quattro anni di reclusione e all'espulsione, credendo alla versione dei fatti fornita dalla vittima.

L'uomo avrebbe infatti negato lo stupro e anche la rapina. "Non le ho fatto nulla ", avrebbe detto in aula, raccontando che la giovane, dopo aver acquistato 40 euro di cocaina, gli avrebbe consegnato il cellulare per saldare 'il conto' e offerto una prestazione sessuale per avere un'ulteriore dose.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una ricostruzione dell'accaduto diametralmente opposta a quella fornita, da sempre, dalla vittima e accolta dal giudice. Un incubo cominciato dopo la consegna della dose: il pusher aveva prima sottratto il cellulare alla ragazza che, nel tentativo di riprendere il maltolto, era stata scaraventata contro un muro, gettata a terra e poi violentata. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

  • Tetti distrutti, auto schiacciate dagli alberi: i 20 minuti d'inferno della tempesta

  • Cadavere in montagna: risolto il 'mistero' dell'escursionista trovato morto

Torna su
BresciaToday è in caricamento