Brescia: sarà interrogata la 13enne adescata su Facebook

La giovane era stata rapita e portata in un ostello a Figino

Sarà sentita dagli inquirenti nei prossimi giorni, con l'aiuto di uno psicologo, la ragazzina adescata su Facebook e portata mercoledì scorso da un paese della Bassa bresciana in un ostello a Figino (Svizzera).

Per la vicenda sono stati arrestati un 26enne del Canton Ticino e una donna di 23 anni, domiciliata nel Lugano. Il giar elvetico (giudice dell'arresto e delle indagini preliminari) dovrà decidere se confermare l'arresto.

Anche il procuratore aggiunto di Brescia, Sandro Raimondi ha aperto un'inchiesta per sequestro di persona e ha disposto il sequestro del computer della ragazzina.

Si vuole capire se il sequestro della studentessa ("volevo solo aiutare un'amica in difficoltà" si era difeso l'uomo arrestato) sia stata iniziativa della coppia o, invece, di più persone, e in questo caso si allungherebbe l'ombra di un "network" di pedofili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • Tragico infortunio sul lavoro: morto giovane operaio

  • Da pochi mesi in Indonesia, morto a 42 anni Davide Savelli

  • Le prime cinque aziende bresciane per fatturato

  • E' morto Menec: la sua storica trattoria meta di celebrità e calciatori

  • Schianto frontale nella notte: auto sventrata, morto un uomo

Torna su
BresciaToday è in caricamento