Sorgenti radioattive, un nuovo caso ogni mese: 149 si trovano ancora in azienda

I dati forniti dall'Ats a margine della simulazione di un'emergenza radioattiva alla Ori Martin di Brescia: in tutta la provincia, e in 20 anni, quasi 300 rilevamenti di "sorgenti radioattive"

Non c'è da aver paura: il pericolo di un “fallout” imminente è pura fantascienza. Ma sono comunque dati che fanno riflettere, quelli presentati dall'Ats (ex Asl) di Brescia al termine della simulazione di una “emergenza radioattiva” andata in scena giovedì mattina all'acciaieria Ori Martin, tra Via Canovetti e Via Montelungo in città.

Solamente un'esercitazione: allarme scattato intorno alle 8, con la simulazione dell'arrivo di un camion carico di materiale radioattivo. Tutto messo in sicurezza, in tempi rapidi, grazie all'intervento dei Vigili del Fuoco del nucleo Nbcr (Nucleare, batteriologico, chimico e radiologico) in collaborazione perfetta con il Comune, l'Ats, l'Arpa e la Protezione Civile.

Simulazioni a parte, ci sono dei dati reali. Sono i numeri delle cosiddette “sorgenti radioattive” che sono state rilevate, da un ventennio a questa parte, in tutta la provincia di Brescia. Questi i dati più aggiornati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Donna trovata morta in campagna: tragedia avvolta nel mistero

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

  • In arrivo intensa ondata di maltempo, porterà pioggia e abbondanti nevicate

  • Orzinuovi piange la scomparsa del ristoratore Tonino Casalini

  • Sposato, padre di 3 figli: prende a schiaffi e pugni la moglie in strada

Torna su
BresciaToday è in caricamento