Ventuno profughi a Brescia: previsti nuovi arrivi in provincia

Sono ospitati momentaneamente presso l'asilo notturno Pampuri, solitamente destinato ai senzatetto. In provincia, invece, è stata data disponibilità per l'arrivo di altri 200 migranti

Nella notte tra lunedì e martedì, sono arrivati a Brescia 21 profughi libici sbarcati sulle coste siciliane e trasferiti in un primo momento a Salerno. Verranno ospitati provvisoriamente all'asilo notturno Pampuri di via Corsica, che coprirà in futuro altri 90 posti, destinati per lo più a donne  e bambini. La loro sistemazione finale verrà decisa martedì in Prefettura.

Per un'emergenza che sembra non aver fine, sono già diverse le strutture e gli hotel che hanno dato la loro disponibilità ad accogliere nuovi arrivi, in cambio del contributo giornaliero di circa 32 euro per ogni persona.

In città a Brescia: l'hotel Mille Miglia (41 posti), l'hotel Milano (64) e, in zona stazione, gli hotel Solferino e Ariston con 39 alloggi in totale.

Per quanto riguarda la provincia, l'hotel Niga di Azzano Mella si è detto disponibile ad accogliere 36 profughi, mentre 15 sono attesi a Ospitaletto presso la comunità Fraternità. Altri 26 migranti saranno invece distribuiti in Valcamonica fra la Caritas di Darfo e la comunità K-Pax, che ha sedi a Breno, Cividate e Malegno.

Infine il lago di Garda, dove l'hotel Sorgente di San Felice ha messo a disposizione 24 posti letto, mentre in 12 alloggeranno tra le mura dell'associazione Puerto Escondido.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento