menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Supermercato a Castel Mella: le prove della tangente sono evidenti

Per Antonio Tassone, imprenditore lumezzanese, Marco Rigosa, ex assessore ai Lavori Pubblici di Rodengo Saiano e Andrea Piva, geometra 35enne, sempre di Rodengo, la Procura di Brescia ha chiesto il processo immediato

Le prove delle tangente sono evidenti e innegabili. Per Antonio Tassone, imprenditore lumezzanese di origini calabresi, Marco Rigosa, ex assessore ai Lavori Pubblici di Rodengo Saiano, nonché responsabile dell'ufficio tecnico comunale di Castel Mella, e Andrea Piva, geometra 35enne (anch'esso di Rodengo Saiano), la Procura di Brescia ha ordinato il processo immediato. Il 24 novembre prossimo i tre dovranno rispondere dell'accusa di corruzione.


Le tangenti, secondo il sostituto procuratore Silvia Bonardi, sarebbero state intascate durante l'iter della costruzione di un supermercato a Caste Mella. La posizione di Mauro Galeazzi, ex assessore leghista all'Urbanistica di Castel Mella, è stata stralciata nell'attesa di ulteriori indagini. La tangente ammonterebbe a 22mila euro, e sarebbe partita da Tassone per poi essere girata a Rigosa per mano di Andrea Piva.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Sport

    Super-G junior: c'è un ragazzo bresciano sul tetto del mondo

  • social

    Le vere origini della Festa della Donna

Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento