Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Fabio Uccheddu, simbolo della protesta sulla gru, condannato a 8 mesi

Al termine del rito abbreviato, chiesto dai legali del giovane operaio, il giudice Giovanna Faraone ha condannato Fabio Uccheddu (fermato dal vicequestore Ricifari in via San Faustino) a 8 mesi per resistenza a pubblico ufficiale

A quasi un anno di distanza dalla manifestazione di protesta dei migranti saliti in cima alla gru, si è celebrato oggi il processo a Fabio Uccheddu, divenuto ormai il simbolo di quei giorni che hanno acceso su Brescia i riflettori di tutta Italia.

Le immagini della discussione dell'8 novembre scorso sono ormai note. All'ordine del vicequestore Emanuele Ricifari di allontanarsi, il ragazzo lo manda a quel paese: il Ricifari perde la calma (in una situazione di per sé tranquillissima, a dire il vero) e lo afferra e lo trascina con sé (GUARDA IL VIDEO), per poi portarlo Questura.

Uccheddu resterà agli arresti domiciliari per alcuni giorni, per poi essere rimesso in libertà dal tribunale del Riesame, che giudicò insussistenti il pericolo di reiterazione del reato e i fatti per i quali è accusato.

VOTA - DOPO AVER VISTO IL VIDEO, HA SENSO PROVESSARE UCCHEDDU?

Ma con l’arrivo del processo la procura ha modificato il capo di imputazione e si moltiplicano le accuse. Ora a Uccheddu è stata contestata l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale, oltre che a Ricifari, anche all'ispettore della Digos Fonsi.


Ennio Buffoli e Luisella Savoldi, legali del giovane, hanno chiesto il rito abbreviato condizionato alla visione dei filmati che riprendono il momento dell’arresto, al termine del quale il giudice Giovanna Faraone ha condannato Uccheddu a 8 mesi per resistenza a pubblico ufficiale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fabio Uccheddu, simbolo della protesta sulla gru, condannato a 8 mesi

BresciaToday è in caricamento