La stazione chiude di notte, i senzatetto provano a resistere

Il provvedimento pro decoro e sicurezza annunciato dal Sindaco Emilio Del Bono è scattato nella serata di mercoledì 5 agosto. Porte chiuse, ma parzialmente, dalle 23.45 alle 4.30.

Un senzatetto dorme sulla banchina - copyright @ Bresciatoday.it

Brescia - Come annunciato dal Sindaco di Brescia Emilio del Bono la stazione ferroviaria cittadina ha chiuso per ...notte.  Il divieto, secondo il primo cittadino necessario per garantire sicurezza e decoro alla zona, è entrato in vigore nella serata di mercoledì 4 agosto: porte chiuse e accessi sbarrati dalle 23.45 alle 4.30.

Così è stato stabilito sulla carta, ma nella realtà le cose vanno un po' diversamente. A dirla tutta l'edificio non è ancora off-limits: un'uscita deve rimanere aperta per non 'intrappolare' chi scende dal regionale che arriva da Milano all' 1.35 e in via Sostegno non c'è alcuna traccia di barriere all'entrata.

Se la polizia Locale ha il compito di vigilare sugli ingressi e far rispettare il divieto, alla polizia ferroviaria tocca far sgomberare i senzatetto che da anni dormono sul marciapiede del binario 1 o sulle panchine della sala d'attesa interna. Come era facilmente prevedibile loro da lì non se vogliono andare e la prima nottata di chiusura non li ha certo scoraggiati.

Una ventina di senzatetto era ancora all'interno dell'edificio e sui binari 45 minuti prima che scattasse la chiusura e non ha esistato ad esprimere rabbia e contrarietà nei confronti di un provvedimento che avrà pesanti ricadute sulla loro vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento