Cronaca

Epidemia di polmonite: 17 nuovi casi nel solo weekend, salgono a 138 i contagiati

Nella quasi totalità dei casi si tratta di anziani o persone già sofferenti di altre malattie respiratorie. Tra le ipotesi sulle cause dell'epidemia, la presenza di un batterio nell'acqua

Salgono a 138 i casi accertati di polmonite, registrati in 18 comuni del Bresciano, 7 del Mantovano e 3 del Cremonese. Ben 17 in più a quelli già noti sabato. La maggior parte della persone che ha contratto la malattia risiede nella nostra provincia (120). I paesi maggiormente colpiti dall'emergenza sono Montichiari (34 casi), Carpenedolo (26 casi) e Calvisano (20 casi). Qui l'elenco completo dei comuni coinvolti.

Delle 138 persone che hanno contratto l'infezione polmonare, 124 sono attualmente ricoverate negli ospedali di Montichiari, Manerbio, Desenzano, Gavardo, Asola, Castiglione delle Stiviere e Mantova. Una vera e propria epidemia - nello stesso periodo del 2017, i casi nel Bresciano erano al massimo 5 -  che potrebbe essere stata causata dalla presenza di un batterio nell'acqua. Il condizionale è d'obbligo, dato che si tratta solo di una tra le tante ipotesi al vaglio delle autorità sanitarie.

Due, al momento, i decessi: stando a quanto riferito da Giulio Gallera, assessore al welfare di Regione Lombardia, non sono riconducibili alla legionella. La prima vittima è un ultraottantenne da tempo degente in una Rsa, per questa ragione sul suo corpo non è stata disposta l'autopsia. Saranno invece analizzati i tessuti dell'altra persona deceduta, una 69enne le cui condizioni di salute erano già fortemente compromesse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Epidemia di polmonite: 17 nuovi casi nel solo weekend, salgono a 138 i contagiati

BresciaToday è in caricamento