Brescia: quasi 3 milioni di euro per la nuova pista d’atletica

La prima ipotesi progettuale dell’impianto sportivo che sorgerà a San Polino è stata presentata venerdì 13 novembre in Loggia. Costo dell’operazione: 2 milioni e 800 mila euro. Il Sindaco promette la realizzazione entro la fine del 2017

L’area su cui sorgerà il nuovo impianto © Bresciatoday.it

BRESCIA. I 6000 adepti dell’atletica leggera (questo il numero dei tesserati provinciali della Fidal) avranno una nuova e invidiabile struttura: quella che sorgerà - promette la Loggia - entro la fine del 2017 a San Polino, su un’area di proprietà comunale situata tra la linea della metropolitana e le aree verdi del campo ‘Pampurri’ e del parco ‘Peppino Impastato’.  2 milioni e 800 mila la spesa preventivata per l’edificazione, soldi già messi a bilancio . 

La città è orfana di un impianto destinato all’atletica dalla primavera del 2013, quando fu sequestrato il leggendario campo Calvesi, perché sorgeva su un terreno zuppo di diossine e pcb. Da allora gli atleti hanno girovagato di paese in paese in cerca di una pista su cui correre. Una migrazione che presto finirà: viste le lungaggini nelle operazioni di riqualificazione dello storico impianto di via Morosini, dove il 4 agosto del ’78 Sara Simeoni stabilì il record mondiale di salto in alto,  la Loggia ha infatti deciso di costruirne uno completamente nuovo.

“Un’opera necessaria per gli atleti come degli istituti scolastici della città”, l’ha definita il sindaco Emilio del Bono. “Non è un capriccio, ma un impianto molto utile per tutta la cittadinanza - fa sapere Giuseppe Portone, consigliere regionale Fidal -. Adesso che avremo un campo potremmo tornare ad essere i leader regionali.”

IL PROGETTO - L’impianto coprirà una superficie di 31.200 metri quadrati, di cui 6.000 destinati ad ospitare la pista coperta, che verrà però realizzata in una secondo momento. All’interno dell’area, delimitata da Corso Bazzoli e via Barberis, troveranno posto una pista ad anello lunga 400 m ad 8 corsie in superficie sintetica, l’edificio contenente gli spogliatoi e una tribuna coperta che potrà ospitare circa 800 persone. All’interno dell'ovale, su una superficie erbosa, saranno ricavate le dotazioni per le altre discipline di atletica leggera: lancio del peso, salto in alto e in lungo. La collocazione della pista e degli edifici annessi è studiata tenendo conto di una futura implementazione dell’impianto con la costruzione di un anello indoor. La nuova struttura è stata progettata in collaborazione con il Coni e la Fidal per garantire lo svolgimento al suo interno di competizioni ufficiali.  

Il progetto preliminare è stato presentato venerdì 13 novembre e, se tutto fila liscio, verrà approvato entro Natale. Il Comune conta di chiudere la procedura d’appalto per la costruzione dell’impianto entro la fine del 2016. Nel frattempo, i lavori per sistemare il campo di via Morosini andranno avanti: “Il recupero del Calvesi è un sogno realistico”, ha infatti affermato Del Bono. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutta la Lombardia zona rossa fino al 27 novembre: poi cosa succede

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Covid: 10 morti e 256 positivi, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Oggi conferenza Stato-Regioni: si spera per Brescia zona arancione

Torna su
BresciaToday è in caricamento