Giallo di via Mazzucchelli, i vicini di casa: "Pierangelo e la moglie litigavano spesso”

L’ultima lite tra Pierangelo Bornati, trovato senza vita nel suo appartamento di via Mazzucchelli, e la moglie Olga, interrogata a lungo in Questura, sarebbe avvenuta proprio nella tarda serata di ieri, domenica 6 dicembre 

La Scientifica al lavoro in via Mazzucchelli © Bresciatoday

Gli abitanti del caseggiato di Via Mazzuccheli, di proprietà della Congrega della Carità Apostolica, sono sotto choc. Alcuni di loro si sono radunati nel cortile dell’edificio da quando, nella tarda mattinata di oggi, lunedì 7 dicembre, i Vigili del Fuoco e la Polizia hanno fatto irruzione nell’appartamento al terzo pieno dell’ala destra. Una volta entrati si sono trovati di fronte una drammatica scena: il corpo senza vita di Pierangelo Bornati riverso sul pavimento della camera da letto, con una ferita sul capo. Stando alle prime indiscrezioni, la morte del 45enne risalirebbe alla scorsa notte e sarà l’esame autoptico, fissato per martedì 8 dicembre, a stabilire le esatte cause.  A chiamare i pompieri sono stati gli inquilini del piano di sotto, allarmati dal rumore dell’acqua di un rubinetto lasciato aperto. 

La Scientifica ha passato al setaccio l’appartamento che Bornati divideva con la moglie Olga Zaytseva e il figlio, poco più che maggiorenne, che la donna di origine russa aveva avuto da una precedente relazione. Pare che gli inquirenti abbiano anche trovato un bastone in un campo adiacente al caseggiato. Un rinvenimento che avrebbe portato gli agenti della Squadra Mobile a prendere in considerazione anche l’ipotesi dell’omicidio. La moglie del 45enne e il figlio della donna, giunta sul posto poco dopo il ritrovamento del cadavere, sono stati portati in Questura dove sono stati ascoltati per parecchie ore.  

I vicini di casa riferiscono che i rapporti tra i due coniugi erano tesi da parecchio tempo: nei mesi scorsi la Polizia sarebbe intervenuta per sedere una violenta lite tra i due. Per un periodo la coppia si sarebbe anche separata, ma Olga e Pierangelo sarebbero poi tornati a vivere nell'appartamento che ora è sotto sequestro. Nell'abitazione sarebbe stata trovata anche della cocaina. L’ultimo litigio si sarebbe verificato proprio nella serata di ieri, domenica 6 dicembre, come racconta un giovane che abita nell’edificio: “ Abbiamo sentito delle urla provenire dalla casa di Pierangelo, ma non abbiamo ritenuto opportuno intervenire, anche perché non sono durate a lungo e loro bisticciavano spesso. Negli ultimi tempi lui non stava molto bene, era dimagrito moltissimo, a me aveva raccontato che lei lo voleva cacciare di casa.”

Pierangelo Bornati possedeva un'enoteca al Villaggio Sereno, che gestiva con la moglie.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutta la Lombardia zona rossa fino al 27 novembre: poi cosa succede

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Covid: 10 morti e 256 positivi, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Oggi conferenza Stato-Regioni: si spera per Brescia zona arancione

Torna su
BresciaToday è in caricamento