menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gradino "killer" in piazza Vittoria, il Comune pagherà più di 4.000 euro a una signora

Una sentenza storica, un precedente importante: il Comune di Brescia dovrà risarcire una signora di 60 anni, probabilmente la prima vittima accertata del gradino “killer” di Piazza Vittoria

Una bella botta, un volo di un metro e mezzo sul duro camminamento, senza avere il tempo di reagire o di proteggersi con le mani o con le braccia. E il tribunale ha parlato, la sentenza è decisa: la responsabilità di quei danni fisici è da appuntare al Comune di Brescia.

Sarebbe infatti solo la Loggia il “custode” e il “responsabile” di quel dislivello. Un gradino che a seguito delle prime cadute venne pure segnalato, ma non abbastanza. E adesso è arrivata l'istanza del risarcimento.

Non sono cifre milionarie, tutt'altro: sarebbero circa 4500 euro, a cui si aggiungerebbero le spese legali. Ma è comunque un precedente importante, se non addirittura unico. E la sentenza parla chiaro: quel gradino è invisibile, e proprio perché invisibile è anche pericoloso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Party a bordo vasca per 15 persone: tutti denunciati

  • Cronaca

    Auto in fiamme, coppia scende un attimo prima del disastro

  • Coronavirus

    Cosa riapre in Italia dal 26 aprile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento