Il Pd contro i doppi incarichi in provincia di Molgora e Romele

"Dopo Paroli - spiega Pietro Bisinella, segretario provinciale PD - chiamato a scegliere se restare parlamentare o sindaco, ora è la volta di Molgora e Romele, con doppi incarico di parlamentari e presidente/vicepresidente della provincia di Brescia"

Sono dieci i presidenti di provincia nelle condizioni di Molgora: oltre a Brescia, Bergamo, Asti, Napoli, Salerno, Frosinone, Foggia, Avellino, Biella e Caserta. Provengono 6 dal Pdl, 3 dalla Lega e 1 dall’Udc. Secondo Pietro Bisinella “in un momento delicato e di crisi come questo serve un tratto di serietà, ci dicano cosa vogliono fare perché i bresciani meritano rispetto e una risposta chiara”.

“Romele e Molgora sostengono che il doppio incarico porta a un risparmio sull'indennità, ma le indennità non sono cumulabili – aggiunge il segretario provinciale - e quindi è molto comodo fare il presidente e il vicepresidente della provincia con l’indennità parlamentare ed è poco rispettoso coprire un ruolo per il quale i bresciani li hanno votati senza metterci la faccia. E’ un problema di etica e di comportamento: la politica ha ruoli e responsabilità che devono essere onorati”.

Il capogruppo PD in Broletto Diego Peli chiarisce che i doppi incarichi vanno a discapito del lavoro di tutto il consiglio provinciale “presidente e vice presidente sono sempre assenti, compaiono il lunedì e il venerdì con un intasamento totale delle questioni da affrontare e la mancanza di qualsiasi possibilità di discutere, si procede solo per ratifiche, senza affrontare i nodi problematici della nostra provincia. Tanto più che Molgora e Romele sono anche assessori e quindi non possono presiedere neppure le commissioni che dovrebbero guidare”.
Questo è un momento secondo Peli nel quale “ci dovrebbe essere maggiore attenzione ai problemi urgenti come quello del lavoro e dell’ambiente, soprattutto nella nostra provincia, invece tutto è fermo, tutto bloccato in assenza del presidente”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione Io Apro: il 15 gennaio ristoranti aperti contro la nuova stretta

  • Ragazzino in ospedale col femore rotto: «È stato il padre di un mio coetaneo»

  • Orrore in famiglia: guarda video porno e fa sesso con la sorellina di 14 anni

  • Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

  • Iveco parlerà cinese? Offerta miliardaria per lo storico marchio, Brescia trema

  • Una tragedia immensa: il piccolo Alberto ucciso da un tumore a soli 5 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento