Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

Sosta scontata: l'opposizione dei sindaci di provincia

Gli amministratori dei comuni bresciani non ci stanno al mantenimento del prezzo attuale dei parcheggi in città solo per i non residenti, allo scopo di finanziare la costruzione del metrobus. Soprattutto quando a chi abita nel capoluogo viene concesso uno sconto del 50%

Gli amministratori dei comuni bresciani non ci stanno al mantenimento del prezzo attuale dei parcheggi in città solo per i non residenti, allo scopo di finanziare la costruzione del metrobus. Soprattutto quando a chi abita nel capoluogo viene concesso, parallelamente, uno sconto del 50%.

Il provvedimento viene definito discriminatorio, e considerano una vera e propria provocazione l’invito del sindaco Paroli a stipulare convenzioni con Brescia Mobilità e con Sintesi per ottenere tariffe scontate per i non-residenti, dato che queste hanno un costo non indifferente. Se si considerano i tagli del governo per far fronte l’attuale situazione economica, appare chiaro come sia un’ipotesi del tutto impraticabile.

A far sentire il loro scontento, sono gli amministratori di Rezzato, il sindaco di Roncadelle Michele Orlando, quello di Bovezzo Antonio Bazzani, e Mario Benetti di Botticino, il primo cittadino di Castel Mella Marco Franzini e di Concesio Stefano Retali. “I nostri cittadini - spiegano - ogni giorno vengono in città per lavorare nei negozi e negli uffici contribuiscono ampiamente ad alimentare le casse comunali”. Quindi, dato che vi portano ricchezza, perché penalizzarli in questo modo?

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sosta scontata: l'opposizione dei sindaci di provincia

BresciaToday è in caricamento