Reazione chimica in un'azienda: nube arancione nel cielo

Allarme rientrato, almeno secondo le fonti ufficiali: la nube che martedì pomeriggio ha offuscato il cielo all'altezza di Brescia Ovest non sarebbe dannosa per la salute umana

La nube arancione che si è alzata dalla ditta Specialacque (fonte: Twitter@GdB_it)

Allarme inquinamento a Brescia, alla periferia della città, quando nel primo pomeriggio di martedì una densa coltre di fumo, una vera e propria nube ma di colore arancione, si è sollevata da una delle tante aziende della zona – siamo a Brescia Ovest – provocando la preoccupazione di numerosi residenti.

L'allarme per fortuna rientra quasi subito, almeno secondo le comunicazioni ufficiali. La coltre di fumo colorato che avrebbe coperto il sole e le nuvole per lunghi attimi altro non sarebbe che una reazione chimica 'standard', e dunque non eccessivamente pericolosa per la salute umana.

Il fumo sarebbe 'decollato' dalla ditta Specialacque, specializzata nel trattamento dei residui industriali e civili, sita lungo Via Girelli. Sul posto non solo i Vigili del Fuoco ma anche i tecnici dell'Arpa per gli accertamenti ambientali.

Come detto, le fonti ufficiali confermerebbero il falso allarme. Ma la nube si è vista eccome, scatenando le ire dei residenti, dovuta a una reazione chimica nel serbatoio dei reflui che avrebbe sprigionato ipoazotide, da cui poi sarebbe 'apparso' il fumo arancione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento