Overdose di metadone: 44enne rischia di morire in strada

L'uomo, un tossicodipendente in cura, è stato trovato privo di sensi in via Romiglia a Brescia e salvato in extremis con una iniezione di Narcan

A un passo dalla morte, martedì pomeriggio un tossicodipendente di 44 anni si è salvato solo grazie al pronto intervento degli operatori del 118, che - in via Romiglia a Brescia - l'avevano trovato privo di sensi nei pressi del Sert Asl.

Verso le 16:00, l'uomo ha assunto in una sola volta l'intero quantitativo di metadone che i medici gli avevano consegnato per essere assunto nell'arco di una settimana. Il farmaco, infatti, viene solitamente prescritto per combattere i sintomi da astinenza di droga.

Il salvataggio in extremis è stato possibile grazie a una massiccia iniezione di Narcan, un farmaco talmente potente da poter annullare in pochi istanti sia gli effetti del metadone sia quelli della droga. Una volta ripreso coscienza, il 44enne ha rifiutato il ricovero in ospedale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

Torna su
BresciaToday è in caricamento