Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca Via Mandolossa

Omicidio coniugi Seramondi: Frank ucciso per invidia, Giovanna per sbaglio

Così scrive il giudice Alessandra Sabatucci nelle 89 pagine di motivazioni della sentenza di condanna delle 5 persone coinvolte nell'omicidio del titolare della pizzeria della Mandolossa e della moglie

Hanno ammazzato per invidia e nessuno di loro avrebbe espresso il minimo segno di pentimento. Sono le conclusioni a cui è giunta il giudice delle udienze preliminari Alessandra Sabatucci, scritte nero su bianco nelle motivazioni della sentenza di condanna delle 5 persone coinvolte nell'omicidio di Frank Seramondi e della moglie Giovanna. 

I coniugi vennero massacrati a colpi di fucile a canne mozze nella loro pizzeria della Mandolossa, l'11 agosto del 2015. Un delitto atroce per il quale sono stati condannati all'ergastolo Mohamed Adnan e Sarbjit Singh, ritenuti gli esecutori materiali. Pene dai 5 ai 20 anni per gli altri tre stranieri che hanno collaborato alla pianificazione del delitto. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio coniugi Seramondi: Frank ucciso per invidia, Giovanna per sbaglio

BresciaToday è in caricamento