Cronaca Pieve di Urago Mella

Delitto Cottarelli: i cugini Marino condannati all'ergastolo

La condanna, emessa dalla corte d'assise d'appello di Milano, arriva dopo il rinvio del 2010 deciso dalla Corte di Cassazione

Nel processo che si è concluso oggi a Milano poco dopo le 15:00, la corte d’assise d’appello ha condannato all’ergastolo i cugini Vito e Salvatore Marino, ritenuti i responsabili del triplice omicidio di Urago Mella del 28 agosto 2006, in cui vennero uccisi  Angelo Cottarelli, il figlio Luca di 16 anni e la compagna Marzenna Topor.

Assolti nel processo di primo grado celebrato nel 2008, i due vennero poi condannati all'ergastolo nel 2010 ma, l'anno seguente, la Corte di Cassazione decise di rimetterli in libertà annullando con rinvio la precedente sentenza.

Questa seconda condanna in appello, tuttavia, non metterà la parola fine a uno dei più oscuri fatti di cronaca nera bresciana.

Infatti, in attesa che siano rese note le motivazioni della sentenza, gli avvocati difensori dei cugini trapanesi hanno già annunciato l'ennesimo ricorso. Vito Marino, presente al processo, è già stato arrestato.

SULLO STESSO ARGOMENTO
Strage Cottarelli: accusato di triplice omicidio, libero sotto sorveglianza
Preso Tartamella, faccendiere implicato nella strage Cottarelli
Strage della famiglia Cottarelli: arrestato uno degli assassini a Trapani

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Delitto Cottarelli: i cugini Marino condannati all'ergastolo

BresciaToday è in caricamento