Brescia, in 6 mesi sono nati 750 bambini: ecco i nomi più diffusi

I dati dell'Anagrafe sui nascituri della città di Brescia, da gennaio a giugno: 750 bimbi di cui 287 stranieri, e più maschi che femmine. Poi, i nomi: tra i preferiti Alessandro e Giulia, Leonardo e Sofia

Circa 750 nascite in sei mesi, dall’inizio dell’anno e fino al giugno scorso. Di cui 462 italiani e 287 stranieri, che pesano dunque quasi il 40% del totale: un fenomeno ampiamente annunciato, quella Brescia multietnica in cui addirittura, ma sono solo previsioni, si prevede un sorpasso nell’arco di un decennio.

Locale anomalia, sono più i maschi delle femmine: 390 neonati dal fiocco azzurro (225 italiani e 165 stranieri) e 359 invece con il fiocco rosa, di cui 237 italiane e altre 122 straniere. Statistiche curiose, fornite dall’ufficio anagrafe del Comune, e che prendono in considerazione anche i nomi di battesimo.

I preferiti sono Giulia e Alessandro, che insieme vantano più di una trentina di preferenze. Tra gli stranieri invece al top della gamma ci sono Leonardo e Sofia: il primo diventa pure il nome più diffuso in assoluto tra i ‘nuovi’ maschietti. Una ‘botta’ alle tradizioni, visto che quasi spariscono Maria e Giuseppe, nomi che (chiesa cattolica docet) hanno sempre avuto una certa diffusione.

Qualche particolarità, come Chanel o Tiffany, Audrey o Selvaggia. E tra gli stranieri c’è pure un Arafat: un più che probabile omaggio al celebre statista palestinese, scomparso nel 2004.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'ha massacrata a mani nude, poi è andato al bar": il killer è appena diventato papà

  • Baci alla ragazza, finisce a processo: "Non sapevo avesse appena 12 anni"

  • Nipote 43enne muore dieci giorni dopo la zia: lavoravano nello stesso negozio

  • La tragica fine di Francesca: picchiata e strangolata al parco pubblico

  • Strangolata al parco: fermato ragazzo di 29 anni, è accusato di omicidio

  • Malore al bar: si accascia a terra e muore sotto gli occhi di barista e clienti

Torna su
BresciaToday è in caricamento