Il Comune sfratta il campo nomadi: loro si spostano di poche centinaia di metri

Il braccio di ferro tra Comune di Brescia e nomadi di Via Labirinto continua anche dopo lo sfratto: le famiglie (in tutto una ventina di persone) si sono trasferite di poche centinaia di metri

Controlli al campo nomadi (foto d’archivio)

Sfrattati ma non troppo: le famiglie sinti che abitavano (abusivamente) al civico 420 di Via Labirinto a Brescia sono state allontanate, a seguito di ordinanza del Comune, ma si sono trasferite di poche centinaia di metri. Il nuovo campo delle roulotte (in tutto quattro o cinque, pià qualche automobile) si è semplicemente spostato in Via Codignola.

Al civico 50, in un terreno che a quanto pare sarebbe regolarmente affittato (di proprietà di un'agenzia immobiliare cittadina). Ma proprio su questo potrebbe vertere la prossima istanza della Loggia: oggi come ieri, il terreno non sarebbe autorizzato per la destinazione residenziale.

Era la stessa cosa anche in Via Labirinto: nonostante il terreno fosse di proprietà dei nomadi, che intanto l'hanno già messo in vendita (con bel cartello in vista), la sistemazione delle roulotte a mo' di abitazione era considerata un'opera urbanistica “rilevante”, con conseguente abuso edilizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

  • Si sente male all'Università, poi la situazione precipita: ragazza muore di meningite

Torna su
BresciaToday è in caricamento