Batterio killer, neonato muore all'ospedale Civile

Il piccolo, nato prematuro, è spirato nei giorni scorsi. Colpiti dal batterio anche altri bambini, tra cui il fratello gemello del neonato deceduto

Foto d'archivio

È morto pochi giorni dopo essere venuto alla luce. A causare il decesso del neonato sarebbe stata un'infezione causata dal batterio serratia marcescens. La tragedia nei giorni scorsi all'ospedale Civile di Brescia. A perdere la vita - come riferisce il quotidiano Bresciaoggi - un piccolo nato prematuramente e ricoverato nel reparto di patologia neonatale

Anche altri bambini ricoverati nel medesimo reparto, tra cui il fratello gemello del piccolo deceduto, sarebbero stati colpiti dal batterio, ma sono fortunatamente riusciti a sopravvivere. In tutto sarebbero sette, forse otto, i piccoli pazienti che avrebbero contratto l'infezione, che colpisce prevalentemente i neonati prematuri con un sistema immunitario deficitario. Fortunatamente bimbi avrebbero reagito positivamente alle cure antibiotiche.

Il focolaio da dove si è diffusa la 'serratia' non è stato ancora individuato. Il reparto è stata passato al setaccio dai carabinieri del Nas, che dovranno accertare se il batterio sia stato portato dall'esterno oppure si sia sviluppato all'interno dell'ospedale. Secondo la letteratura medica, nel 50 dei casi l'origine del microbo rimane sempre sconosciuta. Anche l'ospedale ha avviato tutte le procedure per contenere la proliferazione del batterio e ha attivato il comitato di sicurezza infettiva. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il batterio killer si sviluppa soprattutto in ambito ospedaliero e casi di infezione sono si sono verificati anche in altri due nosocomi lombardi: all'ospedale di Como, nel 2014, e al Poma di Mantova nel 2012. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Travolta in allenamento, è morta Roberta Agosti: era la compagna di Marco Velo

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

Torna su
BresciaToday è in caricamento