Cronaca

Controlli sulle auto straniere: un Ceco con 150 multe non pagate

Operazione della Locale per 'beccare' in flagranza chi non rispetta il codice della strada, obbligandolo così a pagare le multe nonostante l'auto immatricolata all'estero. Tra i fermati un mezzo boemo con 12mila euro di contravvenzioni non pagate

La Polizia Locale di Brescia ha svolto nei giorni scorsi una serie di interventi per il controllo dei veicoli con targa straniera che circolano nel territorio comunale.

"Un’operazione - spiegano dal Comando - necessaria per evitare le complesse ricerche all’estero nel caso in cui i veicoli vengano multati ma non sia possibile contestare direttamente l’infrazione".

In particolare, sono state fermate due automobili, una svizzera e una ceca. Gli agenti si sono imbattuti in un’Audi Q5, immatricolata in Svizzera e intestato a una società elvetica. Il mezzo era guidato da una donna italiana residente in provincia, che in realtà non aveva alcuna relazione con la società proprietaria del veicolo.

Dopo alcuni accertamenti, è emerso che la vettura stava circolando senza la regolarizzazione doganale, eludendo in questo modo le incombenze fiscali. La polizia ne ha disposto il fermo e il trasferimento alla sede doganale, dove è stato appurato che la società era già nel mirino degli investigatori: sul titolare dell’azienda, di nazionalità italiana, pendeva infatti una denuncia per frode fiscale.

Sul secondo mezzo fermato nel corso dei controlli, immatricolato in Repubblica Ceca, la Locale ha invece scoperto che gravavano 150 multe per infrazioni al Codice della strada non ancora pagate, per un totale di quasi 12mila euro di arretrati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli sulle auto straniere: un Ceco con 150 multe non pagate

BresciaToday è in caricamento