Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca Centro / Via Moretto

Morto il 'prof' dei bresciani, insegnava al Calini e all'Arnaldo

Morto a 95 anni il professor Mario Cassa, nato a Brescia nel 1920: membro del Comitato di Liberazione Nazionale, prima liberale e poi cattocomunista, aveva insegnato al Calini e all'Arnaldo

Seduto in cattedra, un giovanissimo Mario Cassa

Si svolgeranno venerdì pomeriggio nella chiesa di Sant'Alessandro di Via Moretto a Brescia i funerali del professor Mario Cassa, morto mercoledì mattina all'età di 95 anni. Nato a Brescia nel febbraio del 1920, per decenni ha insegnato storia e filosofia in città, prima al Calini e poi all'Arnaldo.

Volto noto della cultura bresciana e non solo, liberale di nascita e poi cattocomunista d'adozione, quando negli anni '70 si avvicinò alle posizioni del Partito Comunista in trasformazione, pubblicando tra l'altro i suoi 'Appunti marxisti', sulla critica dell'economica politica e sul valore d'uso e di scambio della merce. Era stato anche un quasi partigiano, membro della sezione cittadina del Comitato di Liberazione Nazionale. 

Negli anni si era guadagnato una posizione di rilievo anche nell'informazione locale, in quasi 50 anni sono stati pubblicati più di un migliaio di articoli con la sua firma. Si deve a lui il primo 'passaggio' a Brescia di Pierpaolo Pasolini.


Marco Frusca, che di Marco Cassa ha scritto in occasione della pubblicazione dell'antologia delle sue opere, raccontava del suo “religioso attaccamento alla causa del riscatto degli ultimi”, ma con una nota amara, per una società che lui considerava “una parte di un affresco di civiltà al tramonto”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto il 'prof' dei bresciani, insegnava al Calini e all'Arnaldo

BresciaToday è in caricamento