Cronaca

Morti bianche: la vittima di Adro è la 21esima, come in tutto il 2010

Con la morte in acciaieria del 48enne Roberto Cavalleri di lunedì scorso, la provincia di Brescia ha raggiunto il numero di morti sul lavoro dello scorso anno, confermandosi la prima in Italia in questa triste classifica

Purtroppo la provincia di Brescia si sta confermando anche quest'anno quella con più morti sul lavoro già 21 come nell'intero 2010. Con la vittima nell'acciaieria di Adro sono 75 i morti sui luoghi di lavoro in Lombardia.

Ma sulla provincia di Brescia c'è da fare una profonda riflessione. Come mai questa provincia ha sempre tantissime morti sul lavoro? Questo triste fenomeno è molto complesso e le cause sono da ricercarsi soprattutto della mancanza di vicinanza e di scarso controllo delle Istituzioni locali come le province. Le morti sui luoghi di lavoro in provincia di Brescia sono concentrate soprattutto in edilizia e in agricoltura.


La nostra bellissima provincia merita una maggiore attenzione e sensibilità da chi la guida per quanto riguarda il mondo del lavoro, sopratutto da quei partiti che attualmente sono al governo e che da sempre si definiscono radicati sul territorio: ma ci sono sempre i migranti per distogliere l'attenzione dai problemi veri.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morti bianche: la vittima di Adro è la 21esima, come in tutto il 2010

BresciaToday è in caricamento