Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca Buffalora / Via Leonilda Magnolini

Conto alla rovescia per la Metro: meno 150 giorni all'inaugurazione

Un viaggio che non è inaugurale ma poco ci manca, con la presenza degli addetti ai lavori, delle istituzioni e dei giornalisti: il tempo passa davvero, per quel servizio pubblico che nasce "per facilitare la vita dei cittadini"

Prove tecniche di metropolitana leggera MetroBus a Brescia, mentre passano i giorni e si avvicina la fatidica inaugurazione, quella vera, quella che tutti aspettano all'inizio del prossimo anno. Nel primo pomeriggio di ieri un nuovo assaggio, riservato a giornalisti e tecnici, addetti ai lavori e istituzioni, con la presenza del sindaco e del vice, dell’assessore lombardo alle Infrastrutture Raffaele Cattaneo, del presidente di Brescia Mobilità, dell’assessore provinciale al Trasporto Pubblico Locale Corrado Ghirardelli. La curiosità è lecita, la sorpresa anche: il Metrobus bresciano procede a gonfie vele, e quei pochi chilometri che valgono come un test appaiono davvero convincenti.

Meno convincenti alcune dichiarazioni, nel corso della conferenza stampa, le solite parole secondo cui “il progresso è il progresso”, e “il futuro parte da qui”, con un riferimento alla necessità della TAV che forse non fa benissimo proprio nei giorni in cui si discutono i nuovi espropri della tratta Treviglio-Brescia, che si aggiungono a quelli già previsti a Rovato, e tra le Colline Moreniche. Per il resto niente da segnalare, bella la stazione e belli i binari, niente male pure i treni che in quanto a tecnologia (non c’è nemmeno chi li guida!) in Europa non hanno da invidiare quasi niente a quasi nessuno.


“Sarà un servizio pubblico che faciliterà la vita dei cittadini – hanno spiegato i relatori, Ghirardelli Paroli e Cattaneo – anche se sappiamo bene che Brescia in un certo senso dovrà pure abituarsi a questo nuovo mezzo. Ma Comune e Provincia stanno lavorando insieme, per arrivare a un qualcosa di nuovo, e a un servizio di qualità, efficiente e a basso costo”. Un progetto sontuoso e non da poco, costato centinaia di milioni e che ovviamente “dovrà essere gestito in modo adeguato”.

Anche nei tempi della spending review, che però non colpirà direttamente il trasporto pubblico se non attraverso una sorta di rimodulazione, con la consapevolezza che i costi “non si fermano con l’inaugurazione ma proseguiranno nella gestione”. Regione, Provincia e Comune, e una faticaccia che è durata anni, ma pure decenni, ma che finalmente prende forma, “la risposta per gli abitanti di Brescia e dintorni”. E pure un saluto al capotreno, coinvolto qualche settimana fa in un incidente: niente di irreparabile, e un augurio di pronta guarigione.

Si ringrazia Francesca Torricelli per la preziosa collaborazione - Tutti i diritti riservati

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conto alla rovescia per la Metro: meno 150 giorni all'inaugurazione

BresciaToday è in caricamento