Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Cibo per i profughi servito in mensa: indagata una cooperativa

Nel mirino dell'ASL una cooperativa bresciana che serviva pasta e riso destinati a profughi e sfollati alla mensa di un asilo nido della provincia

Piccolo scandalo alimentare tra la Bassa e l’Ovest bresciano. L’ASL di Brescia ha infatti sequestrato decine e decine di maxi confezioni di pasta e riso da un asilo nido della zona: destinate alla mensa dei bimbi quando sarebbero invece dovute finire ai campi profughi, nei centri d’accoglienza, nelle tendopoli.

Sotto inchiesta una società cooperativa bresciana, nel mirino dell’ASL a seguito di un controllo a sorpresa. La dirigenza del nido sarebbe comunque completamente all’oscuro della vicenda. Niente di pericoloso per la salute dei bambini: si tratta in ogni caso di prodotti commestibili, semplicemente non possono essere venduti, tantomeno in una mensa scolastica.

Sui pacchi era infatti riportata la dicitura ‘Aiuto UE: prodotto non commerciabile’, proprio perché destinati ai casi d’emergenza citati poche righe fa. La cooperativa sotto accusa risulta ora indagata per truffa aggravata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cibo per i profughi servito in mensa: indagata una cooperativa

BresciaToday è in caricamento