menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fisco: maxitruffa a Brescia, recuperati 22,8 milioni di euro

"Il disegno, costruito ad arte da un'azienda per eludere le imposte - spiega un portavoce dell'Agenzia - si basava sulla combinazione di tre operazioni ad alto contenuto finanziario realizzate con controparti estere"

Una maxitruffa che ha fruttato all'Agenzia delle Entrate di Brescia un importo di 22,8 milioni di euro. E' l'importo che, secondo una nota dell'Agenzia, ha versato all'erario una primaria azienda bresciana che aveva sottoscritto contratti finanziari internazionali con un'elusione definita "da record" tra il 2007 ed il 2009.

La società ha già aderito ai rilievi dell'Agenzia versando una somma di 22,8 milioni di euro. Gli schemi contrattuali architettati - spiegano all'Agenzia - erano solo formalmente indipendenti fra loro, perché legati a doppio filo dalla valutazione del beneficio complessivo che avrebbero potuto apportare in termini di risparmi di imposta.

Si tratta innanzi tutto di un meccanismo di cambiale internazionale ('promissory noté) in base al quale l'azienda aveva stipulato un contratto di finanziamento con un soggetto comunitario attraverso l'intermediazione di un operatore finanziario stabilito in un paradiso fiscale, con un effetto finale duplice: da un lato un credito di imposta per gli interessi attivi corrisposti dall'intermediario, dall'altro venivano dedotti gli interessi passivi dovuti al soggetto comunitario per il finanziamento.


I meccanismi dei contratti finanziari derivati erano invece alla base del secondo e terzo meccanismo messo in atto dall'azienda. Nel secondo caso, in particolare, la combinazione di due operazioni distinte aveva l'effetto finale di generare una perdita deducibile e un ingente dividendo tassato solo in parte, mentre l'ultimo sistema consisteva in un investimento il cui esito dipendeva dalla fluttuazione dei tassi di cambio. Tale 'scommessa', prevedibilmente persa dall'azienda, aveva generato una consistente deduzione ma anche un dividendo non interamente tassato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Dati sbagliati dalla metà di ottobre: così la Lombardia ha "sballato" i conti

Coronavirus

Covid: 43 casi in una settimana, in paese è allerta massima

Coronavirus

Pazienti positivi nell’ospedale no-Covid, chiuso un reparto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento