menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Orrore in famiglia: "Se rifiuti di sposarti, ti uccidiamo come hanno fatto con Sana"

Botte e minacce di morte contro una ragazza e le sorelle. Nei guai padre, madre e fratello maggiore.

Maltrattamenti e pestaggi pare andassero avanti da anni, ma a spingere le quattro sorelle, di origine pakistana, a raccontare l'incubo vissuto tra le mura di casa sono state le pressioni e le pesanti minacce fatte alla maggiore delle 4 per indurla a sposare l'uomo che la famiglia aveva scelto per lei.

Per spaventare la figlia maggiore e obbligarla ad accettare un matrimonio combinato, il padre avrebbe più volte evocato la tragica vicenda di Sana Cheema: la 24enne bresciana strangolata dal papà e dal fratello per aver rifiutato di sposare l'uomo scelto da loro.

A raccogliere i drammatici racconti delle 4 ragazze - due maggiorenni e due ancora minorenni - sono stati gli addetti della rete antiviolenza, dopo l'ennesimo ricovero al pronto soccorso, avvenuto nelle scorse settimane.

La denuncia e le indagini

Poi sono scattate le indagini della Squadra Mobile di Brescia che hanno permesso di ricostruire l'escalation di violenze e i pestaggi subiti nel tempo dalle vittime. Le quattro ragazze erano già finite più in ospedale a causa delle lesioni subite, ma non avevano mai trovato il coraggio di denunciare i familiari: avevano sempre raccontato di essere state vittime di incidenti domestici. Il timore che la situazione potesse degenerare e che una di loro potesse fare le stessa tragica fine di Sana le ha spinte a raccontare l'orrore vissuto in casa. 

Nei guai padre, madre e fratello maggiore.

Le quattro sorelle ora si trovano in una struttura protetta mentre i genitori e il fratello maggiore sono stati raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare. Tutti e tre sono accusati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e induzione al matrimonio (reato introdotto di recente) ed è stata applicata la misura del divieto di avvicinamento alle vittime. Alla madre e al padre delle giovani è stata anche sospesa la responsabilità genitoriale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quando ci si potrà spostare tra regioni: c'è una data per maggio 2021

Attualità

C'è chi spacca tutto, chi tenta il suicidio impiccandosi: "Qua dentro è una polveriera"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento