Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Stampati manifesti per il 150° della morte di D'Annunzio. Ma l'anniversario è nel 2088

Grossolano errore "a cura del presidente avv. Andrea Arcai". Stampati manifesti per celebrare i 150 anni dalla morte del Vate: peccato che il 2013 sia il 150° della nascita

Dopo il caso Matisse, altra grandissima figura per l'Assessore alla Cultura Andrea Arcai. In giro per la città sono infatti comparsi dei manifesti per celebrare l'anniversario dei 150 anni dalla scomparsa di  Gabriele D'Annunzio, in cui campeggia il suo famoso motto "Io ho quel che ho donato".

Tutto bellissimo, non c'è che dire. Tranne per il fatto che quest'anno ricorre  il 150° anniversario della nascita del Vate, avvenuta a Pescara il 12 marzo del 1863, mentre - per quello della dipartita - bisognerà aspettare il 2088, dato che il celebre dandy spirò a Gardone Riviera il primo marzo del 1938.

Sul manifesto compaiono i loghi della Fondazione Vittoriale degli Italiani, delle Città d'Arte della Pianura Padana e del Comune di Brescia. E una specifica: l'iniziativa è "a cura del presidente avv. Andrea Arcai". Appunto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stampati manifesti per il 150° della morte di D'Annunzio. Ma l'anniversario è nel 2088

BresciaToday è in caricamento