Cronaca Via Milano / Via Milano

Lite in un bar di via Milano: volano calci, pugni e coltellate

Un 30enne tunisino è finito in manette per lesioni personali gravissime: avrebbe preso a calci e pugni e ha sferrato una coltellata ad un connazionale di 47 anni

BRESCIA. Una lite scoppiata, pare per futili motivi, tra due tunisini è degenerata nel sangue. Le scintille tra i due - un 30enne e un 47enne, entrambi con precedenti di polizia -  sarebbero nate all'interno di un bar di via Milano. Senza un reale motivo, il 47enne - L.A. le iniziali -  sarebbe stato preso a calci e pugni dal giovane connazionale, che si sarebbe poi allontanato a cercare rinforzi.

Poco dopo il 30enne è tornato in via Milano, in compagnia di altre due persone, stringendo tra le mani  un grosso coltello da cucina con il quale ha poi ferito al volto il 47enne.  A evitare che la lite avesse conseguenze ben più gravi è stato l'intervento di una volante della Questura di Brescia. 

All’arrivo degli agenti, il più giovane dei due -  G.B le iniziali - ha tentato la fuga, ma è stato bloccato dai poliziotti, ed arrestato per lesioni personali gravissime. Sotto il giubbino nascondeva il grosso coltello da cucina, sporco di sangue, che avrebbe usato per ferire il 47enne. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lite in un bar di via Milano: volano calci, pugni e coltellate

BresciaToday è in caricamento