Nelle scuole libretti su Costituzione e Unità d'Italia, insorge la Lega

L'Assessore Arcai ha fatto stampare 20.000 copie di un libretto che parla della storia d'Italia, Costituzione e Inno di Mameli. Per la Lega si tratta di "ideologia nazionalista di stampo ottocentesco"

Garibaldi e il Tricolore

"L'Italia s'è desta", è questo il nome del libro, stampato in 20.000 copie, da distribuire nelle scuole elementari e medie della città.

Un volume fortemente voluto dall'Assessore (uscente) a Cultura ed Istruzione, Andrea Arcai, con lo scopo di diffondere negli alunni bresciani la conoscenza di storia e valori che hanno condotto all'unificazione del Belpaese.

Nel libretto viene raccontata l'origine della bandiera italiana, insegnati gli articoli della nostra Costituzione nata dalla Resistenza e il significato delle parole dell'Inno di Mameli.

Sembrava che l'iniziativa non potesse che portare plauso e apprezzamento al controverso Assessore - si ricordi il caso Matisse -, invece ecco che arriva la maligna disapprovazione da parte dell'alleato leghista, negli anni passata alla cronaca per l'uso improprio (e poco igienico) del Tricolore: "Trovo troppo anacronistica e ideologica la scelta di Arcai di 'investire' risorse pubbliche per 20.000 volumetti su bandiera, costituzione e inno", commenta il segretario cittadino della Lega Nord, Paolo Sabbadini

"I nostri studenti - continua - hanno bisogno di una scuola moderna ed efficiente non impregnata di ideologia nazionalista di stampo ottocentesco".

"D'ora in avanti assicureremo la massima attenzione contro queste spese assai discutibili, per non dire inutili", conclude infine lapidario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Beh, si vuole metterla sulle spese inutili, che dire del restauro da migliaia di euro del Bigio, quando sono oltre 500 le famiglie bresciane sotto sfratto? Forse, se gli articoli della Costituzione fossero stati insegnati nelle scuole anche negli anni passati (quando i nostri politici erano piccini e paffuti), i 150.000 euro utilizzati per rimettere in piedi l'Era Fascista - su prima formidabile idea di Corsini - sarebbero stati spesi in modo migliore: a rileggere la Carta fondante della nostra Repubblica, sembra infatti che sia ancora reato "esaltare fatti e principi" riguardanti il "disciolto partito fascista".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schiacciati da mutuo e prestiti, due figli a carico: cancellati debiti per 267mila euro

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Crolla il balcone di un condominio: appartamenti inagibili, famiglie evacuate

  • Parrucchiere e cliente senza mascherina, salone chiuso dalla polizia

  • Si sente male in casa, sotto gli occhi della moglie: morto storico ristoratore

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento