Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

Professore a scuola senza Green Pass e tampone, il preside lo rimanda a casa

Dal quinto giorno è prevista la sospensione

Il 13 settembre era la data segnata in rosso per l’inizio del nuovo anno scolastico, con l'incognita pandemia, vaccini e green pass. Circa 180mila studenti bresciani di ogni ordine e grado, fra statali e paritarie, sono tornati tra i banchi di scuola, ma con regole diverse e nuove abitudini da metabolizzare. Una delle "new entry" più importanti è stata naturalmente la verifica del famigerato certificato verde per il vaccino anti-covid.

Come riportato dal Giornale di Brescia, tutti gli istituti superiori della provincia non hanno riscontrato particolari problematiche legate al Green Pass, tranne in uno: un professore dell’Itis Castelli di Brescia, infatti, si è presentato in classe sprovvisto sia del certificato sia del tampone. Subito è stato rimandato a casa e al quinto giorno scatterà la sospensione, se non provvederà a mettersi in regola con le disposizioni di legge.

L'obbligo di green pass a scuola: per chi c'è già

L'obbligo di green pass a scuola non riguarda solo insegnanti e personale. L'obbligo riguarda anche i genitori degli studenti secondo il decreto appena varato dal governo. Il certificato verde deve essere esibito dai genitori che entrano nella scuola frequentata come alunni dai figli. Deve avere il green pass chi accompagna o va a prendere lo studente all'interno dell'istituto, ad esempio. Sabato 11 settembre è entrato in vigore, dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, il decreto. In sintesi quindi, oltre al personale scolastico degli istituti di ogni grado – docenti, amministrativi, collaboratori – anche i genitori e gli eventuali accompagnatori degli alunni, come baby-sitter e altri parenti, per entrare a scuola dovranno presentare un pass valido.

"Fino al 31 dicembre 2021, termine di cessazione dello stato di emergenza, al fine di tutelare la salute pubblica, chiunque accede a tutte le strutture delle istituzioni scolastiche, educative e formative (...) deve possedere ed è tenuto ad esibire la certificazione verde Covid-19", prevede il decreto. "La disposizione di cui al primo periodo non si applica ai bambini, agli alunni e agli studenti nonché ai frequentanti i sistemi regionali di formazione, ad eccezione di coloro che prendono parte ai percorsi formativi degli Istituti tecnici superiori", prosegue il testo, che definisce i soggetti esentati dall'obbligo.

Il timore è che, soprattutto nelle scuole dell'infanzia, si creino 'ingorghi' e lunghe attese. Nella scuola frequentata dai bambini di età tra i 3 e i 5 anni, la presenza dei genitori è la norma soprattutto nelle giornate dell'inserimento. 

Gli unici studenti ad avere l’obbligo di Green pass, per partecipare alle lezioni in presenza, sono gli universitari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Professore a scuola senza Green Pass e tampone, il preside lo rimanda a casa

BresciaToday è in caricamento