Tragica morte lungo i binari: "Mi hanno detto di sganciare, e io l'ho fatto"

La notte della tragedia sui binari: un errore di "misura", la motrice che deve tornare indietro, il carrello che viene sganciato. La ricostruzione dei fatti, in attesa della testimonianza di Francesco Fusari

“Mi hanno detto di sganciare il carrello. E io l'ho fatto”. Questo quanto avrebbe dichiarato Sperandio Barcellini, l'operaio di 58 anni di Ferrovie Nord sopravvissuto alla tragedia del 22 ottobre scorso, sulla Brescia-Iseo-Edolo, tra Rodengo Saiano e Castegnato, dove ha perso la vita il 34enne Nicola Franchini di Iseo.

Il suo collega, il 32enne Francesco Fusari, si sarebbe risvegliato dal coma farmacologico: dovrà essere ancora operato – avrebbe riportato profonde lesioni a gambe e bacino – prima di essere interrogato.

La sua testimonianza potrebbe essere davvero decisiva per capire come è andata. Si sarebbe trattato di un errore umano. I due a bordo della motrice, al lavoro in notturna per agganciare un carico di ferro e materiale da manutenzione, avrebbero superato il cosiddetto “limite”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pescava quintali di cocaina dall'oceano, poi li portava a Brescia per lo spaccio

  • Brutta sorpresa dopo lo shopping: auto sparite fuori dal centro commerciale

  • Ragazzo morto sull'auto in fuga: il caso è chiuso, via libera al funerale

  • Da pochi mesi in Indonesia, morto a 42 anni Davide Savelli

  • Schianto frontale nella notte: auto sventrata, morto un uomo

  • Incidente stradale in scooter, morta la 39enne Rachele Marino

Torna su
BresciaToday è in caricamento