Morti bianche, la strage continua. Girelli: "Si fa troppo poco in tema di sicurezza"

“In tema di sicurezza nei luoghi di lavoro si fa ancora troppo poco sempre in nome della competitività", ha dichiarato Oliviero Girelli, della segreteria Cgil Brescia, dopo l'ennesimo decesso sul lavoro alla Metalli Estrusi di Concesio

Nella giornata di martedì, è avvenuto un infortunio mortale di un lavoratore di 49 anni, Marco Marchina, dipendente dell'azienda Metalli Estrusi di Concesio.

Siamo di nuovo di fronte all'ennesima tragedia. Non si riesce ad invertire la tendenza sia degli infortuni mortali sia quelli invalidanti. La nostra provincia continua a detenere il triste primato delle morti bianche nel “Belpaese”.

Le cifre di questi ultimi anni, secondo alcuni hanno dato segno di miglioramento ma senza tener conto della crisi, cioè minore occupazione e minor numero di ore lavorate.

"Se dovessimo fare una media infortuni/ore lavorate - ha dichiarato Oliviero Girelli, della segreteria Cgil Brescia - probabilmente scopriremmo che gli infortuni non sono in diminuzione, anzi potremmo trovarci di fronte a dati completamente diversi da quelli attuali.

“In tema di sicurezza nei luoghi di lavoro – continua Girelli – si fa ancora troppo poco sempre in nome della competitività. Le priorità sono altre. Tutti devono fare di più partendo dalle imprese e dagli organi competenti. Solo così potranno diminuire queste numerose tragedie”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Un paese fantasma: chiude l'ultimo negozio, a rischio anche l'unico bar

  • Dramma in una cascina: trovato morto uomo di 56 anni

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

  • Una sterzata disperata, poi lo schianto contro l'albero: così è morta Celeste

Torna su
BresciaToday è in caricamento