Giallo di Marcheno, l'addio dell'avvocato della famiglia Bozzoli

Così il legale Patrizia Scalvi: “Fuga di notizie atto incosciente. I processi diventano ormai processi mediatici”

Carabinieri sul luogo della scomparsa © Bresciatoday.it

MARCHENO. Il legale della famiglia Bozzoli, l’avvocato Patrizia Scalvi, venerdì mattina ha comunicato di aver lasciato l’incarico, a seguito della diffusione a mezzo stampa della denuncia della moglie dell’imprenditore scomparso, in cui la donna parlava di “screzi in azienda con la famiglia del fratello” e del timore del marito "per l’incolumità dei propri figli".

“Non voglio restare all’interno di un sistema che non riesce neppure a salvaguardare la riservatezza di informazioni delicatissime - ha dichiarato l’avvocato -, rischiando di compromettere pesantemente anche lo svolgimento delle indagini”.

“I processi - ha aggiunto - diventano ormai processi mediatici e la fuga di notizie, atto deplorevole e incosciente, non mira sicuramente all’accertamento della verità. Sono ben lieta di non condividere sistemi di questa natura e batteri per moralizzarli”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

Torna su
BresciaToday è in caricamento