"Mollo tutto per i Caraibi": da Brescia il sogno di Alberto e Leonardo

La storia di Alberto da un parte e di Leonardo dall'altra: bresciani in trasferta che lasciano la città e l'hinterland per trasferirsi ai Caraibi, in Costa Rica

Alberto Panizza sulla 'sua' spiaggia

Un viaggio in linea d’aria lungo migliaia e migliaia di chilometri. Di sola andata, senza ritorno. Perché quando varchi una certa soglia è davvero difficile tornare indietro. Da Gussago e da Brescia città in direzione delle assolate spiagge dei Caraibi, o meglio del Costa Rica. La storia di due imprenditori che hanno mollato tutto per ricominciare oltreoceano, raccontata sulle pagine del Corsera.

Il più giovane si chiama Alberto Panizza: classe 1984, prima abitava a Gussago. Da circa un anno vive sulla Playa Coches de Talamanca, piccolo paradiso in riva all’oceano. Ha cominciato dal basso, gestendo insieme alla fidanzata Margherita un b&b da poche stanzette. Ora invece si è preso in carico il Cabinas Caribe Luna Cahuita, struttura ben più ampia e che a loro costa circa 800 euro di affitto al mese.

A poche decine di chilometri Leonardo Preseglio, detto ‘Leo Pura Vida’. Lui è ‘scappato’ più di 20 anni fa, nel 1994: insieme alla moglie ha investito sulla terra – comprata a tre dollari al metro – e ci ha costruito il Cariblue, albergo da 45 stanze e 2500 ospiti al mese, con tanto di doppia piscina. Prima di andarsene dall'Italia, era imprenditore dell’acciaio. Poi ha scelto la 'Pura Vida'... come dargli torto?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento