Cronaca Via Giovanni Parini

Brescia, Via Parini: gattino preso a fucilate, è gravissimo

Un proiettile di piombo in pieno ventre, la corsa dal veterinario e una prossima operazione per rimuovere il bossolo: l'ansia della padroncina Giulia, e in quartiere si narra di altri episodi simili

Ancora in sospeso, tra la vita e la morte, il piccolo gattino che ieri pomeriggio in Via Parini è stato vittima di una sommaria esecuzione, una fucilata in pieno ventre sparata da un fucile ad aria compressa, e un pallino di piombo conficcato nel suo corpicino.

Si chiama Raffaello, la sua padrona (tra l’altro volontaria ENPA) racconta che in quartiere si è fatto voler bene da tutti. Sempre pronto a farsi accarezzare, a fare le fusa anche ai nuovi arrivati. Ma un colpo secco, forse per gioco e forse per stupidità, lo sta facendo soffrire, e non poco.

Un coagulo di sangue, e pure il veterinario che prima di accorgersi del proiettile è dovuto ricorrere ad una radiografia. Pochi giorni, o poche ore, e il gattino Raffaello sarà operato, per rimuovere la pallottola.

La sconsolata Giulia intanto non ha potuto fare altro che sporgere denuncia verso ignoti; in quartiere le voci già girano, non è la prima volta che un povero animale viene preso di mira da qualche baldo sparalesto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brescia, Via Parini: gattino preso a fucilate, è gravissimo

BresciaToday è in caricamento