Cronaca Parcheggio casello autostradale Brescia Centro

Brescia la provincia degli aironi: 24 garzaie, perfino sulla A4

I dati diffusi dal Gruppo Ricerche Avifauna: in tutta la provincia ben 24 garzaie, i luoghi dove nidificano gli aironi, tra queste sono addirittura otto le garzaie storiche. Anche in mezzo allo svincolo di Brescia Centro

Otto storiche garzaie in tutta la provincia, a cui se ne aggiungono altre 16 di più recente censimento: i luoghi in cui nidificano collettivamente diverse specie di aironi, della famiglia delle Ardeidae, con abitudini coloniali. Questo il (felice) quadro che emerge dalle osservazioni del Gruppo Ricerche Avifauna, che dal 1991 insieme al dipartimento di biologia animale dell’Università di Pavia si occupa del censimento degli insediamenti provinciali.

Crescono di numero, di densità: sparsi in tutto il territorio bresciano, con l’inaspettato epicentro ai lati del raccordo autostradale di Brescia Centro, dove si trovano ben 220 coppie di airone cenerino. Censita dal 1996, non è più antica della provincia: in ordine, le garzaie storiche cominciano delle Torbiere del Sebino, dal lago d’Idro, lo svincolo A4, l’Isola del Garda di San Felice, il fiume Mella, Paratico, il torrente Vendra in Valsabbia, l’oasi Airone Rosso di Desenzano.

Non mancano le novità degli ultimi anni: Calvisano e Gottolengo, Castelletto di Leno, Gavardo, Vestone, Sirmione e Niardo. Per gli amanti della natura, un vero spettacolo: gli aironi nidificano fino ai 25 metri d’altezza, ma le specie più piccole anche ad altezza d’uomo.

Rimane elevato il tasso di pericolo: su 24 garzaie circa una decina, praticamente tutte quelle esterne, sono considerate ad alto rischio di sopravvivenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brescia la provincia degli aironi: 24 garzaie, perfino sulla A4

BresciaToday è in caricamento