Maresciallo e casalinga, il re e la regina dei festini hard: l'ammissione di colpa

Hanno ammesso le loro colpe, patteggiando la pena di 1 anno e 2 mesi di reclusione, i coniugi bresciani accusati di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione

Foto di repertorio

Erano davvero una coppia di insospettabili: lei casalinga, lui maresciallo dell’aeronautica. Organizzavano festini a luci rosse in tutto il Nord Italia, anche a Brescia, spesso sfruttando le necessità economiche di donne in difficoltà, che venivano fatte prostituire per un compenso minimo (30 euro) quando ai clienti veniva proposta una serata “completa” a 150 euro.

Il blitz di Natale

I protagonisti della vicenda, smascherati alla vigilia di Natale dai carabinieri, proprio in questi giorni hanno deciso di patteggiare la pena di 1 anno e 2 mesi di reclusione (per entrambi) confermando le accuse di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Ai due sono stati sequestrati anche 20mila euro in contanti, considerati i proventi dell’attività illecita.

Poco prima di Natale i carabinieri avevano fatto irruzione nell’appartamento di Bresciadue che i coniugi utilizzavano per organizzare appunto i festini hard. I militari sono entrati quando la festa era in corso: i presenti nemmeno si sarebbero accorti dell’operazione di polizia in corso. Erano stati i vicini di casa a segnalare una situazione insolita, insospettiti dal continuo viavai di persone.

Festini in tutto il Nord Italia

Festini e incontri sarebbero proseguiti per mesi e mesi. Un’organizzazione serrata: marito e moglie pubblicizzavano le feste sul web, si occupavano della ricerca delle location, all’ingresso organizzavano perfino un piccolo buffet per i partecipanti, con cui mantenevano contatti continui, e a cui veniva offerto anche “supporto logistico” in caso di necessità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella disponibilità dei due coniugi era stata recuperata anche un’agenda contenente nomi e numeri di telefono, una sorta di “portafoglio clienti” che è stato poi successivamente vagliato dagli inquirenti. A pieno ritmo, sembra che “M&M” (così si facevano chiamare) fossero in grado di organizzare fino a quattro festini al mese, e in diverse città del Nord Est (da Brescia a Verona, da Padova a Vicenza).
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

  • Bimba travolta e uccisa sulle strisce: l'automobilista si è costituito

  • Tetti distrutti, auto schiacciate dagli alberi: i 20 minuti d'inferno della tempesta

Torna su
BresciaToday è in caricamento