Cronaca

Fatture false per 100 milioni di euro, nei guai due coniugi bresciani

Nei guai due coniugi bresciani: scaricavano dalla Rete tesi di laurea e altro materiale didattico e lo spacciavano come proprio per giustificare una lunga serie di fatture false

Bastava un click per scaricare da Internet tesi di laurea, slide e materiale didattico frutto del duro lavoro di studenti, docenti e professionisti. Ricerche e studi copiati interamente, e poi spacciati per propri, allo scopo di giustificare un giro di fatture false del valore di 100 milioni di euro.

Era questo l'ingegnoso sistema architettato da due coniugi bresciani - 60 anni lui, 56 lei - per evadere il fisco. A scoprire il trucco ci hanno pensato i militari della Guardia di Finanza di Brescia.

Le indagini, coordinate dalla Procura di Brescia, hanno portato alla luce un cospicuo giro di fatture false (del valore di oltre 100 milioni di euro) emesse o ricevute dalle 6 società di consulenza riconducibili alla coppia, peraltro già finita nei guai nel 2017 per bancarotta fraudolenta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fatture false per 100 milioni di euro, nei guai due coniugi bresciani

BresciaToday è in caricamento