Mercoledì, 19 Maggio 2021
Cronaca

Fatture false per 200 milioni di euro, tre arresti e beni sequestrati

La frode milionaria, perpetrata nel settore dell'edilizia e smascherata dalla Guardia di Finanza di Chiari, continuava da oltre cinque anni

Un giro di fatture false e di artifici contabili che ha provocato un danno all'erario per circa 200 milioni di euro è stato scoperto dalla guardia di finanza di Brescia, che ha arrestato 3 persone e sequestrato beni per oltre 4 milioni di euro.

E' questo il bilancio dell'operazione 'Cremino', coordinata dalla Procura della Repubblica di Brescia e condotta dalla compagnia delle fiamme gialle di Chiari. A gli arresti domiciliari sono finiti un commercialista e gli amministratori 'di fatto' delle società coinvolte; una quarta persona è latitante. Ventuno, invece, gli indagati.

Tra i reati contestati figurano associazione per delinquere, emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e distruzione o occultamento delle scritture contabili ed indebita compensazione. La frode milionaria all'erario, perpetrata nel settore dell'edilizia tramite una fitta rete di imprese di comodo e di una folta schiera di prestanome, andava avanti da cinque anni.


La guardia di finanza ha sequestrato 6 abitazioni, 4 box auto, 1 villa con scuderia, 1 ufficio e 1 terreno, e ancora 17 veicoli, tra cui una Maserati ed una Porsche. I sequestri effettuati, fanno sapere dal comando provinciale, consentiranno il recupero delle imposte evase.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fatture false per 200 milioni di euro, tre arresti e beni sequestrati

BresciaToday è in caricamento