menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La farmacista Simona Schiavo © Bresciatoday.it

La farmacista Simona Schiavo © Bresciatoday.it

Piazza Duomo: arriva la farmacia per vegani e vegetariani

La farmacia Schiavo, tra via Trieste e Piazza Duomo, è l'unica della città che offre consulenze, consigli e rimedi anche a vegani e vegetariani. "La cura non è il farmaco, ma la corretta alimentazione"

Per vegani e vegetariani la farmacia è un luogo bandito. Da non frequentare, se non in casi estremi. La maggior parte dei farmaci tradizionali, si sa,  vengono testati su animali, ed anche quelli omeopatici (un esempio su tutti,la propoli) non sono esclusi dalla lista nera di chi, per una scelta etica e consapevole, ha deciso di non contribuire allo sfruttamento degli animali e delle risorse ambientali. Il timore, spesso, è anche quello si sentirsi dire che i problemi di salute derivino dalla scelta di escludere carne, latticini e derivati dalla propria alimentazione.

Quello che non ci si aspetta è, quindi, di trovare indicazioni e rimedi conformi a uno stile di vita “veg”,  proprio in una farmacia.La rivoluzione copernicana porta la firma di  «Pharmavegana», una rete di farmacisti ad alta formazione per vegetariani e vegani. Di questa “community” fa parte anche la dottoressa Simona Schiavo, che opera nell'omonima farmacia di Via Trieste, l'unica in città abilitata a questo tipo di servizio.

Il nuovo modo di approcciarsi alla cura di sintomi influenzali o legati allo stress si basa sui principi della medicina funzionale. In estrema sintesi il concetto  si può così riassumere: dimmi cosa mangi e ti dirò che carenze hai e come curarti.

“ Prima di tutto bisogna sfatare un falso mito. L'alimentazione vegetariana e vegana è, a mio parare, più sana di quella onnivora – spiega la dottoressa Schiavo (VIDEO) che è al primo della scuola Pharmavegana -. Non  deve  passare il messaggio che non sia una dieta equilibrata, ma bisogna, però, conoscere quali possono essere le carenze e sopperire a queste mancanze. Il compito del farmacista è capire se ci sono delle carenze e indirizzarli nella maniera opportuna, consigliare l'alimentazione, ed eventualmente, in ultima analisi, prescrivere degli integratori o dei farmaci per il singolo sintomo. Ma è l'ultima cosa che viene in mente è consigliare un farmaco e un integratore, tant'è vero che il marchio Pharmavegana non ha creato nessun prodotto per vegetariani e vegani, ma  è una scuola per farmacisti. La  novità sta proprio nel far entrare il vegano e il vegetariano in farmacia, perché  veramente loro bollavano la farmacia come luogo di satana.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Sport

    Super-G junior: c'è un ragazzo bresciano sul tetto del mondo

  • social

    Le vere origini della Festa della Donna

Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento