menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ciclabilità: Fabio Rolfi risponde punto su punto a Salvaiciclisti

"Impegni presi attuati o in fase di attuazione. Ecco le prove. Il resto sono solo chiacchiere... Fanno polemica politica fine a se stessa, dimostrando peraltro di essere anche disinformati"

Il vicesindaco Fabio Rolfi è intervenuto per rispondere ai rappresentanti del movimento Salvaiciclisti, che nei giorni scorsi avevano denunciato la scarsa tutela e considerazione della città per gli amanti della bicicletta: “Desidero dunque rispondere nel merito alle loro istanze: in primo luogo mi preme evidenziare come le zone 30 siano già previste nel Piano di governo del territorio approvato nei mesi scorsi. Tra l’altro una mia comunicazione di giunta datata 17/12/2012 dà il via alla predisposizione della segnaletica verticale e orizzontale volta a trasformare diversi quartieri residenziali in zone 30; un primo passo che negli anni sarà accompagnato da altre scelte, come i restringimenti delle carreggiate, finalizzate a disincentivare l'attraversamento dei quartieri in automobile e a promuovere la mobilità dolce. Posso annunciare per esempio che via Berardo Maggi è già oggetto di bando per l'assegnazione di lavori di questo tipo, sulla base di un progetto condiviso con residenti e circoscrizione".

"L'Amministrazione - continua il vicesindaco - ha compiuto una scelta politica importante che nei prossimi anni cambierà volto ai quartieri, per favorire la mobilità sostenibile nelle zone residenziali. La segnaletica verticale sarà installata nei primi mesi del 2013, mentre per quella orizzontale sarà necessario attendere la primavera, in quanto con acqua e ghiaccio la vernice non si mantiene (spero che almeno in questo caso la colpa non sia imputabile all'Amministrazione...)”.

“Un'altra mia comunicazione di giunta - aggiunge Rolfi - datata anch’essa 17 dicembre, prevede la possibilità, in aree adeguate e sicure, di consentire ai ciclisti la percorrenza “contromano”. Abbiamo in questo modo accolto una delle istanze dei responsabili del movimento Salvaiciclisti, ai quali voglio comunque ricordare che gli interventi sulla viabilità non si possono realizzare semplicemente schioccando le dita, ma è necessario approfondire le normative, coinvolgere gli uffici, valutare le ricadute sul traffico e infine dare il via alla fase sperimentale, al fine di valutarne anche le controindicazioni.”

Rolfi passa poi alle polemiche riguardanti le stazioni Bicimia: "Abbiamo stanziato 600.000€ per realizzarne di nuove nei pressi delle stazioni della metropolitana. Questo stanziamento è stato approvato dal Consiglio comunale in data 30/11/2012 con una variazione di bilancio e i tecnici di Brescia mobilità stanno già progettando la realizzazione. Pertanto i responsabili di Salvaiciclisti possono consultare, come qualsiasi cittadino, gli atti pubblici a cui mi riferisco e trovare corrispondenza con quanto ho dichiarato. Come ho avuto modo di dire loro anche personalmente, l’Amministrazione comunale ha già provveduto, inoltre, a individuare nella persona dell'ing. Nadia Bresciani, mobility manager del Comune, il responsabile dei progetti relativi alla ciclabilità. Non capisco dunque il senso della polemica, visto che i rappresentanti dell’associazione hanno anche avuto modo di confrontarsi con lei in diverse occasioni”.

Ultimo punto riguarda la realizzazione di nuove piste ciclabili: "Nonostante le difficoltà economiche gravi degli enti locali, che colpiscono anche un Comune virtuoso come quello di Brescia, sono riuscito a trovare le condizioni per far partire i lavori di realizzazione della prima pista inserita nel Piano di mobilità, e a breve avremo il piacere di annunciare la data di inizio dei lavori”.

“Con tutte queste puntualizzazioni – conclude infine Rolfi – voglio solamente evidenziare come il nostro lavoro per promuovere la ciclabilità a Brescia sia basato su un impegno, anche economico, concreto e importante. I primi frutti di questo lavoro sono stati certificati non dal sottoscritto, ma da Legambiente che proprio poche settimane fa ha decretato Brescia come leader nazionale tra le città amiche della bicicletta".                            

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento