Ex Caffaro da demolire: al suo posto un enorme polmone verde

Il progetto del sindaco Emilio Del Bono e della giunta al completo: al posto della fabbrica ex Caffaro di Via Milano, un enorme polmone verde. Ma prima del parco serve la bonifica

Un polmone verde al posto di quella che ancora in tanti chiamano “il tumore”. Come una canzone di Celentano, ma questa volta al contrario. Perché il progetto ambizioso rilanciato dal sindaco Emilio Del Bono e dalla sua giunta è quello di riqualificare in via definitiva l’area dell’ex Caffaro di Via Milano. Al posto della fabbrica, un parco.

Sarebbe uno dei più vasti di tutta la città. Oltre che il simbolo di una ‘vittoria’ ambientale. Certo è un percorso non facile, in ripidissima salita. Il nodo da sciogliere è quello di una bonifica complicata e costosissima. Anche per questo nei prossimi giorni l’assessore all’Ambiente Gianluigi Fondra ‘scenderà’ a Roma per incontrare il suo ‘equivalente’ al ministero, Gianluca Galletti.

Anche perché la situazione è più vicina al ‘critico’ che al ‘risolto’. Le acque contaminate sono davvero ad un passo dalla falda: al momento sono ‘bloccate’ all’interno dell’ex stabilimento, in continua rotazione. Ma se dovessero sforare, il rischio di un disastro ambientale senza precedenti non sarebbe più soltanto un’ipotesi.

In attesa di rassicurazioni dal ministero dell’Ambiente, mentre qualcuno già storce il naso. I milioni per la bonifica non sono mai arrivati, perché si dovrebbero sbloccare proprio adesso? Forse stiamo già correndo un po’ troppo. Ma “al posto della fabbrica, un parco”.. per una volta suona davvero bene.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

  • Coronavirus in Lombardia: 100 persone a rischio, 70 vanno in quarantena

Torna su
BresciaToday è in caricamento