Dà di matto per rivedere figlie ed ex moglie, poi picchia i poliziotti

Arrestato a Brescia Due un cittadino peruviano di 50 anni. Al momento del fermo era completamente ubriaco: si è scagliato contro due agenti, ferendoli

Giovedì sera, due pattuglie della Polizia di Stato sono dovute intervenire in città, in zona Brescia Due, a seguito di una drammatica richiesta d'aiuto giunta in sala radio da parte di una cittadina peruviana. Con la voce rotta dal pianto, la donna chiedeva soccorso in quanto il suo ex marito, ubriaco fradicio, era all'esterno della porta della sua abitazione e pretendeva di entrarvi per vedere le figlie.

Temendo per la propria incolumità e per quella delle figlie minorenni, la donna ha cercato in tutti i modi di non farlo entrare ma L.L., anch'egli cittadino peruviano classe 1965, ha cominciato a colpire ripetutamente con calci e pugni la porta, completamente fuori di sé.

Arrivati sul posto, gli agenti si sono introdotti all’interno dello stabile e hanno raggiunto il  50enne, cercando di riportarlo alla calma, ma inutilmente. L'uomo non cessava infatti di colpire la porta e di urlare nonostante la presenza dei poliziotti. Alla loro richiesta di seguirli in Questura, ha reagito aggressivamente scagliandosi contro di loro e colpendoli con violenza.

Bloccato a fatica, è stato identificato e tratto in arresto per lesioni, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale. Due degli agenti intervenuti sono stati medicati al pronto soccorso, riportando ciascuno una prognosi di sette giorni per le lesioni subite.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento