menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Moglie tradita con una ragazza, poi la cocaina: inizia l'incubo di un imprenditore

Sesso e droga, ricatti ed estorsione: la fine di un incubo per un imprenditore di 35 anni, arrestato il 59enne che lo aveva in pugno

Una storia intricata di sesso, ricatti e cocaina: la vittima, un imprenditore di 35 anni di origini straniere, era stato messo al muro da un 59enne napoletano, vecchia conoscenza delle forze dell'ordine nonché coinvolto (nei primi anni Novanta) in quella che è conosciuta come la “Strage del venerdì santo”, con tre morti ai Quartieri Spagnoli di Napoli. Dopo mesi e mesi di estorsioni, il giovane si è rivolto alla Polizia Locale, che ha teso una trappola al suo aguzzino, ora arrestato.

Tutto sarebbe cominciato qualche tempo fa. Il 35enne avrebbe conosciuto una ragazza, consumatrice abituale di cocaina: oltre al sesso la droga, di cui in poco tempo il giovane sarebbe diventato dipendenti. E' in questa circostanza che la sua vita s'intreccia con quella del 59enne, che fa lo spacciatore e abita in una casa popolare al Villaggio Violino.

Una storia di droga, sesso e ricatti

Mese dopo mese i debiti continuano a lievitare, finché il 35enne non decide di interrompere il rapporto: sia con la ragazza che con lo spacciatore. Ma quest'ultimo non avrebbe mollato la presa. Altre feste, ancora sesso e droga: ma poi c'è il conto da pagare. L'imprenditore si rifiuta, il 59enne allora lo ricatta dicendo che avrebbe rivelato tutto (sesso con altre e droga consumata) alla moglie e alla famiglia del 35enne. In questo modo, in poco tempo, sarebbe riuscito a farsi consegnare oltre 15mila euro.

L'ultimo episodio, il furto dello smartphone: un iPhone ultimo modello che il 59enne avrebbe sottratto come fosse un acconto per i debiti pregressi. Da qui la scelta del 35enne di rivolgersi alla Polizia Locale. Gli agenti del comando di Via Donegani hanno organizzato la trappola: vittima ed estorsore s'incontrano, ma ci sono anche loro. Quando il primo consegna i soldi al secondo, intervengono e lo arrestano. Adesso è in carcere, accusato di spaccio ed estorsione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento